Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

PIFFER, IL GUERRIERO ROSSOBLU

santi_thiago_piffer Mercoledì 26 Agosto, sono atterrati in Italia tutti gli effettivi della nuova rosa dello Sport Five, visi abbronzati e rilassati ma già vogliosi di mettersi al lavoro. Non abbiamo perso tempo e il nostro microfono ha subito fatto conoscenza con uno dei nuovi volti rossoblu Santi Thiago Piffer, centrale ventiseienne nato a San Paolo.

Ci hanno colpito subito il suo fisico imponente e lo sguardo furbo, nonché la grande disponibilità e l’ottimo italiano a testimonianza della militanza pluriennuale nel nostro Belpaese.

“Sì, sono in Italia dal 2003 e ho giocato in diverse squadre del vostro Paese: ho esordito con l’Augusta in Serie A1, per poi indossare le casacche di Lazio, Reggio Calabria e infine dello Scicli, dove ho contribuito alla promozione nella massima serie.”

L’anno scorso cos’è successo?

“Ci sono stati alcuni problemi con il rinnovo ma soprattutto alcuni importanti motivi personali mi hanno spinto a tornare nel mio Paese.”

Ed è arrivata la chiamata di Pino Napoletano…

“Conosco Pino da quattro anni circa e mi ha sempre parlato bene della vostra società, dei progetti e dell’entusiasmo della vostra gente, ma da un anno a questa parte è stata avviata una vera e propria trattativa e son rimasto lusingato dalla caparbietà nel volerla portare a termine. Ciò dimostra quanto si creda nelle mie qualità e fungerà da stimolo a ripagare al meglio tale fiducia.”

Il Direttore ha dichiarato che sei uno dei centrali più forti in Italia e che ha dovuto superare la concorrenza di tante società prestigiose di A1, come ti descriveresti ai tifosi che non ti conoscono?

“Pino è sempre troppo buono… diciamo che le mie caratteristiche sono prevalentemente difensive, sono un combattente e mi piace uscire dal campo con la maglia impregnata di sudore e… (pausa seguita da un sorriso) … ogni tanto riesco a fare anche qualche passaggio buono!”

Ci sono stati altri elementi che ti hanno spinto ad accettare l’offerta della società rossoblu?

“Non posso negare che la presenza in rosa di ragazzi che conosco bene, come Fininho e Leandro, ha influito: mi hanno parlato benissimo di tutto l’ambiente e lo scorso campionato conferma la bontà del progetto illustratomi da Pino.”

Vuoi promettere qualcosa ai tifosi?

“Pino mi ha parlato del loro travolgente calore, non vedo l’ora di ammirare con i miei occhi la Torçida rossoblu! Non posso promettere goals e numeri ad effetto perché non sono il mio mestiere, posso semplicemente dire che sono un combattente anche in allenamento e che non mi piace mai perdere. Penso che ognuno di noi debba assumersi le proprie responsabilità per poter disputare un campionato di vertice… io sono pronto!”

Così ci saluta Piffer, con piglio da guerriero e fermezza nello sguardo, smanioso di poter affrontare la nuova avventura e sostituire nei cuori rossoblu il partente guerriero Tex.

Ciccio Vinella - Addetto Stampa Sport Five Putignano

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/